Benvenuti nella nostra Taverna

Ristorante

Antipasti sfiziosi, primi delicati, secondi gustosi, dolci da leccarsi i baffi.

Rosticceria

La Taverna è anche Rosticceria: tante prelibatezze marchigiane da prendere e gustarsi a casa!

La Locanda

Camere

Ospiti e turisti possono beneficiare anche di tre camere con bagno interno, climatizzate e confortevoli, annesse all’adiacente Taverna.

I costi sono i seguenti:

  • Camera singola 35 € a notte
  • Camera doppia matrimoniale 60 € a notte

Disponibili tutto l’anno.

Per prenotazioni contattare la Taverna.

Le Ricette della Tradizione Marchigiana

Coniglio in Porchetta

Ingredienti:

  • un coniglio intero ruspante disossato (2 kg circa)
  • interiora del coniglio
  • 450 g di macinato misto
  • 1 salsiccia macinata
  • 2 fette di guanciale da mezzo cm
  • 30 g di finocchio selvatico
  • 2 spicchi di aglio in camicia
  • semi di anice (o di finocchio) q.b.
  • rosmarino q.b.
  • peperoncino in polvere q.b.
  • 1 bicchiere di vino bianco
  • sale q.b
  • olio evo q.b.

Preparazione:

Tenete il coniglio in ammollo per circa 15 minuti in acqua e aceto. Risciacquatelo e mettetelo a scolare; iniziate quindi a disossarlo.
Intanto mettete ad insaporire in frigo il macinato misto e la salsiccia con gli spicchi d’aglio, le interiora sminuzzate con il coltello, il sale, il peperoncino, il rosmarino tagliato finemente.
Tagliate il finocchio selvatico e ricavate dal guanciale delle striscioline che passerete nei semi di anice. Aprite il coniglio, salatelo e disponeteci la carne macinata condita dopo aver tolto l’aglio. In mezzo alla carne macinata infilate il finocchio selvatico e il guanciale. Chiudete il coniglio arrotolando ben stretto e legate con uno spago. Salate esternamente il coniglio e mettetelo in una pirofila con l’olio che copra bene il fondo.
Preriscaldate il forno a 235°. Infornate il coniglio e dopo dieci minuti girate dall’altro lato. Quindi abbassate la temperatura a 180° bagnate con il vino bianco e continuate la cottura per circa un’ora bagnandolo con altro vino, se necessario. Il coniglio sarà pronto quando risulterà ben rosolato e il liquido rappreso. Togliete dal forno e lasciatelo raffreddare prima di tagliarlo a fette. Rimettete le fette nella pirofila o in una padella insieme al liquido di cottura per scaldarlo prima di servirlo. Ma se preferite potete servirlo freddo.

Eventi

Recensioni